mercoledì 23 dicembre 2015

DMT...Speghiamoci un pó meglio.


La danza è un'attività che, intrinsecamente, possiede una triplice valenza: è attività corporea, è linguaggio corporeo, è arte. 

Analogamente, per Danzaterapia (Dancemovement Therapy, d’ora in avanti DMT), in ogni sua accezione e indirizzo, si intende: l’utilizzo terapeutico del movimento, in quanto processo per aiutare un individuo a ritrovare la propria unità psicocorporea.

La sua specificità si riferisce al linguaggio del movimento corporeo e al processo creativo, che sono i modi attraverso cui si valuta e si interviene, all’interno di processi interpersonali che hanno come scopo la positiva evoluzione della persona.

La DMT, quindi: è una tecnica a mediazione motoria; è una tecnica a mediazione corporea; è una tecnica a mediazione artistica. 

Gli obiettivi della DMT sono: il piacere funzionale, l’affinamento delle funzioni psicomotorie, l’unità psicocorporea, la simbolizzazione, l’immagine corporea e la stima di sé.



Tanto basti ricordare che la ‘pulsione al movimento’ caratterizza ogni essere umano, in quanto essere vivente, relazionato all’ambiente che lo circonda, e agli altri.


Tutte le sensazioni prodotte dal corpo e dal movimento (siano esse tattili, dolorifiche, termiche, posturali) danno origine allo schema corporeo; e poiché esiste una stretta correlazione tra movimento ed emozione, possiamo osservare come il corpo sia in grado di esprimere le emozioni attraverso la propria motricità, le proprie posture e attitudini.

Allo stesso modo attraverso il movimento è piú facile non solo conoscere meglio e diventare "padrone" dei propri stati d 'animo, ma anche modificarli e migliorarli.

Ecco un primo e immediato effetto degli interventi di DMT.

Nessun commento:

Posta un commento

Tra breve tempo ti arriverà una risposta, grazie.

L'importanza dei Materiali nel Setting

In ogni lavoro di gruppo che si prenda cura del Benessere Psicofisico di una persona, l'operatore deve sempre prestare grande attenzion...