martedì 12 maggio 2015

Alle origini della DMT: i grandi danzatori e innovatori del '900

Il corpo è il luogo del nostro esistere, è il centro delle nostre emozioni e dei pensieri, degli spunti simbolici e energetici. L'attenzione al corpo, alla danza, alle connessioni psicologiche e simboliche che hanno portato alla nascita della DMT (DanzaMovimentoTerapia) ha origini lontane....dobbiamo ringraziare grandi personaggi del '900 che hanno saputo sperimentare personalmente il potere rigenerante e unico del Movimento.

Fino alla fine dell'800 la danza era considerata un'arte accademica, statica, con regole stabilite da non infrangere, dove la ricerca estetica delle forme belle e composte richiedeva movimenti delicati e simili...non si rappresentava la realtà, erano rifiutati i gesti spontanei, tutti, ballerini e ballerine, seguivano movimenti stereotipati, senza dare alcun spazio all'espressività personale.

Con l'arrivo del '900 un' ondata di novità attraversa tutto e tutti...ecco che nasce la Modern Dance, fucina di idee e sperimentazioni, che traccia la strada verso la DanzaMovimento Terapia.


Ecco alcuni personaggi di spicco:

  • Isadora Duncan (1877-1927), ricordata fino ad ora perché fu una grande innovatrice, inizialmente rifiutata nei teatri, si esibiva nelle case private e con grande energia riuscì a diffondere una grande novità per i suoi tempi: danzare per esprimere la propria anima, dando libero sfogo all' impulso interiore, alla soggettività, alle emozioni e ai sentimenti. Fu la prima danzatrice a lavorare sul radicamento dei piedi con il terreno, proponendo movimenti nuovi, imitando i disegni delle danze sui vasi greci. Si allontana molto dall' idea di ballerina comunemente diffusa non solo grazie ai suoi movimenti ma anche per i suoi costumi di scena, simili a pepli greci. Pur essendo scomparsa precocemente per un incidente d'auto, il suo esempio è stato molto importante e ricco di suggestioni per gli artisti che l'hanno seguita.
  • Martha Graham (1884-1991) sostiene che la funzione della danza è la comunicazione e nella sua lunga carriera da grande importanza al respiro, inteso come azione alla base di tutto, che sostiene ogni movimento. In tal senso lavora sul rapporto tra forza di gravità, peso del proprio corpo e danza. Ha fondato una scuola e una compagnia di danza ancora molto conosciuta.

  • Rudolf von Laban (1879-1958), grazie ai suoi studi, ha ispirato molte teorie della futura DMT, in quanto si domanda quali siano la natura e le motivazioni psicologiche e emotive alla base di ogni gesto. Stabilisce che il movimento nasce, quindi, da una motivazione interna e che se ne puó cogliere il significato a partire da leggi definite, quasi matematiche, che lo regolano. Ciascun movimento può essere descritto a partire da quattro elementi fondanti: quale parte del corpo si muove ( che cosa?), in quale direzione ( dove?), a quale felicità ( quando?) e con quale intensità ( come?). Studia molto lo Spazio e lo classifica in tre livelli, che swefuw le direzioni e i piani,come una materia da plasmare in continuazione. La Chinesfera, poi, secondo Laban, è lo Spazio individuale. Dai suoi studi si sono poi sviluppati interessanti approfondimenti che sono alla base dello studio del movimento (Laban Mouvement Analysis, LMA)e della sua analisi, che ha portato alla lettura del movimento, fondamentale nella DMT.

  • Marian Chase (1896-1970) si forma alla danza moderna e comincia il proprio percorso di insegnamento con i bambini. Sarà proprio da questa esperienza che osserverà come attraverso il movimento molti di loro potevano chiedere aiuto, trovare un modo per esprimere le proprie difficoltà, sperimentare risorse. Questa semplice osservazione la portò ad accostare la danza ai bisogni più profondi e la portò a lavorare con la danza e la  patologia psichiatrica, ipotizzando una possibilità di trattamento. 
Poi, nel 1966, sulla base delle sue esperienze, Chase fonda l 'American Dance Therapy Association.






  • Anche Trudy Snoop (1903-1999) è una danzatrice, e si accosta alla terapia grazie a diverse esperienze di ‘insegnamento’ della danza a pazienti psichiatrici. Mano a mano che il suo lavoro procede, Schoop si convince che il presupposto della Modern Dance possa essere letto nel suo doppio significato, e cioè: se è vero che il corpo esprime l’interiorità, allora è altrettanto vero che, lavorando sul corpo, possiamo arrivare a contattare la psiche. Da questo, discende anche il fondamentale principio secondo il quale le potenzialità e possibilità creative appartengono all’ambito ‘sano’, e quindi vitale della personalità umana.





  • Mary Starks Whitehouse (1911-1979) è una danzatrice che si è formata alla scuola della Graham e che diventa anche psicoterapeuta Junghiana. Unisce i due percorsi attraverso una tecnica specifica e particolare, il Movimento Autentico, oggi ampiamente praticata e diffusa.



Questi furono alcuni tra i piú importanti pionieri della DMT che con grande intuito e coraggio seppero tracciare una strada nella quale mente e corpo fanno parte dello stesso indissolubile, originale e fondamentale percorso.


( foto prese dal web, nel caso violino il copyright segnalatelo, verranno rimosse)

Nessun commento:

Posta un commento

Tra breve tempo ti arriverà una risposta, grazie.

Perchè fare DanzaMovimento Terapia DMT?

È una domanda che faccio a me stessa e è un pensiero condiviso con alcuni colleghi: perché le persone decidono di lanciarsi in un percorso ...