Post

la bellezza del danzare

Immagine
Sempre di più in questi mesi sospesi mi ritrovo a danzare e a essere grata di questa grande possibilità che ho coltivato dentro di me.   Certo studiare le tecniche è sempre molto importante e porta sicurezza e facilità,  ma al di là delle rigide posizioni la bellezza del proprio corpo in movimento, magari seguendo musiche differenti che possano dare stimoli e suggestioni, è da perseguire sempre.
Nella tradizione induista Siva crea e distrugge il mondo con la sua danza cosmica, alza con grazia il suo piede sinistro, mentre l'altro è ben ancorato alla terra, sciacciando il demone che rappresenta l'ignoranza, con le sue mani suona un tamburo, offre la fiamma della trasformazione, affronta il mondo senza paura.
E' proprio questo che può darci la danza: la possibilità di creare con gioia ogni giorno uno spazio per noi, scacciare la paura sentendoci ancorate/i alla terra, ben salde/i, per poter poi ruotare o saltare senza timore. 
Consiglio a tutte/i di prendersi anche pochi is…

STARE

Immagine
stare v. intr. [lat. stare, da una radice indoeuropea] (pres. indic. sto ‹stò› [radd. sint.], staista [radd. sint.], stiamostatestanno; pres. cong. stia [poet. ant. stèa], 1. Fermarsi cessando il movimento: Qual masso che dal vertice ... Precipitando a valle, Batte sul fondo e sta (Manzoni). 

 Rimanere immobile, fermo. Più spesso, restare, soffermarsi in un luogo, quindi non muoversi, non proseguire, non allontanarsi: l’uomo né per star né per fuggire, Al suo fisso destin può contradire (Ariosto).

Questo e molto altro riporta il vocabolario alla parola STARE.


Yoga è Responsabilità

Immagine
La parola Yoga deriva dalla radice sanscrita «Yug» che significa unire, legare assieme, soggiogare, dirigere e concentrare l'attenzione, in senso più generale significa anche il perfetto raggiungimento dell'equilibrio.

Mai come in questo periodo di forte confusione e incertezza lo Yoga, inteso in modo vasto come serie di discipline per raggiungere l'equilibrio, può venirci in aiuto, ma solo se decidiamo di prenderci la responsabilità di quello che facciamo.


Praticare Yoga è quindi anche assumersi una responsabilità;  essere responsabile di un qualcosa significa rispondere a se stessi o a qualcuno delle proprie azioni e degli esiti ottenuti.  Essere responsabile significa avere un vero legame con gli altri e con se stessi.
Ogni volta che decidiamo di dedicarci del tempo e siamo sul nostro tappetino è giusto chiedersi che cosa realmente vogliamo fare per vivere nel modo più sereno possibile o per trovare le giuste soluzioni che possano produrre il cambiamento che cerchiamo dentr…

Piccoli Contatti, Grandi Emozioni

Immagine
Il lavoro di ogni giorno ci porta ad entrare in contatto con molte persone, da quando ci svegliamo a quando andiamo a riposare  le persone incontrate saranno di sicuro di più delle dita delle nostre mani.  Già in casa nostra, o con i vicini uscendo, altri contatti per la strada ....siamo sommersi da incontri anche velocissimi o per niente percepiti. Ma cosa lasciano dentro di noi? Diamo attenzione a questi contatti?
In realtà noi viviamo nell'Epoca della Tecnologia che ci porta ad avere  e cercare moltissimi contatti, ma virtuali.
Forse è più facile dare valore e significato ai contatti virtuali rispetto a quelli reali?
Quelli virtuali passano attraverso un mezzo, creano la "giusta distanza", ma fanno percepire la stessa vicinanza di due occhi che si incontrano o di due mani che si stringono? Ci attivano a livello sensoriale?
Forse sottovalutiamo la forza dei nostri sensi come grandi portatori e veicoli di comunicazione. Il nostro corpo è colmo di ricettori che ci aiuta…

la forza delle forme circolari: Uovo e Cerchio

Immagine
In queste settimane sto sperimentando il bellissimo "respiro ovale- Andakara Prana",  proposto dalla mia insegnante Gabriella Cella in alcuni suo libri come: "Il Grande libro dello Yoga".

In questo esercizio di respirazione si inspira pensando che l'aria arrivi direttamente dalla terra, per assorbirne tutta la forza e poi portarla alla zona tra le sopracciglia. Durante l'espirazione,  invece, è utile accompagnare il soffio che scende dalla fronte fino alla terra, per prendere coscienza che la nostra energia interna è sempre in collegamento con la terra. Si  immagina che l'aria passi dalla terra  dentro di noi fino al nostro capo per poi tornare alla terra e che si  diffonda in tutto il corpo mantenendo l'attenzione alla forma ovale in cui far scorrere  la nostra energia.
L'uovo è un simbolo di vita ma anche di rinascita. In molte tradizioni sull'origine del cosmo viene proprio citano un uovo dal quale in vari e differenti modi nasce tutto l…

Cos'è lo Shinrin Yoku?

Immagine
Lo Shinrin Yoku è un termine giapponese che si riferisce ai benefici provati scientificamente per chi passa del tempo a contatto con la natura e più precisamente in mezzo ai boschi. E' seguito da molte persone anche a fini terapeutici.
Il contatto con la natura serve non solo per favorire la salute fisica e mentale ma anche per sviluppare libertà e consapevolezza.
Mi sono avvicinata a questa pratica, ricca di suggestioni e molto interessante, leggendo il libro e seguendo le preziose indicazioni di Selene Calloni Williams https://youtu.be/lxYdR6_Flgg
Tra le tecniche da sperimentare in Natura c'è la Meditazione Camminata, Calata Dhiana, che io propongo sempre all'interno delle pratiche di Rilassamento Meditativo (giovedì ore 20,00 presso studio Brigo, via Aporti, 7 CR). 
L'ho imparata e approfondita durante la formazione della Scuola Italiana di Yoga Ratna di Gabriella Cella.
Ci sono differenti modi per sperimentarla, ma per cominciare ricorda queste semplici indicazion…

Il contatto con gli altri parte dal contatto con se stessi

Immagine
Quando si tratta il tema del contatto subito si pensa al toccare, avvicinandosi all'area personale dell'altro, accostandosi, creando contiguità e vicinanza.

Nelle tecniche dedicate al benessere e alla crescita personale ogni incontro deve diventare sinceramente un contatto, senza pensare a quello tattile, ma con lo sguardo, con il corpo, prestando grande attenzione e rispetto all'altro.

In ogni momento possiamo cercare di entrare in contatto, cercando calma e pace, che prima di tutto vanno cercate dentro di noi, per poi attivarle nell'altro, anche standogli lontano.

Partendo prima di tutto dal contatto sincero con se stessi, ascoltando il proprio respiro, dov'è posizionato nel nostro corpo, per esempio, possiamo cercare di metterci nella condizione migliore per entrare in contatto con gli altri.

Mi spiego meglio: il funzionamento di ognuno è molto articolato, ma vanno ricordate alcune considerazione sul Sistema Nervoso Autonomo. Esso si divide in due funzionamenti: …